Riceviamo e Pubblichiamo


L’importante è avere una persona che voglia bene ai bambini PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 15 Febbraio 2016 10:45

L’importante è avere una persona che voglia bene ai bambini

...secondo la mia modesta opinione, prima del diritto di famiglia, c'è quello dei bimbi e minori! (...e lo dico per esperienza personale). 
La famiglia, lo si voglia o meno, è già cambiata nel tempo (a parte che quando c'erano le guerre spesso i bimbi orfani venivano cresciuti da nonni, zii o altre famiglie vicine che li accoglievano senza complicate burocrazie ..ne ho sentiti tanti casi anche dai miei suoceri...). Comunque, secondo me, per un bambino l'importante è avere almeno una persona (etero, gay, single) che gli voglia sinceramente bene, poi i modelli maschile o femminile, nel caso non siano abbastanza presenti l'uno o l'altro, li troverà magari in un allenatore sportivo o una insegnante ecc...(con vari preti purtroppo bisogna...lì sì stare attenti) (facebook.com)

 
I ricorsi sono costosi e devi rinunciare PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 15 Febbraio 2016 10:44

I ricorsi sono costosi e devi rinunciare

Aspettando che tutto ciò diventi effettivo e a pieno regime, presumo, con brutale ironia, che passeranno molti anni. La tutela del minore in caso di separazione è argomento delicatissimo e ben venga ciò che è scritto su questo articolo visto che da esperienze personali il mondo dei ricorsi per la tutela dei figli é costoso e faraginoso e tutto ciò porta a desistere e a lottare col Buon senso. (facebook.com)

 
I diritti dei figli PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 15 Febbraio 2016 10:43

I diritti dei figli

...rimando alla lettura dell'articolo di Ubaldo Valentini , del quale metto in evidenza le parole piu significative che mi trovano pienamente d'accordo. 
......"L' abolizione dei tribunali minorili deve costituire l’occasione per rimettere ordine sulla delicata materia della tutela dei minori e dei loro genitori. La bigenitorialità è un diritto dei figli e non una gentile concessione delle istituzioni. Rimettere ordine vuol dire togliere immediatamente tutte quelle storture ed incrostazioni che hanno snaturato la vera giustizia minorile e lo stesso diritto di famiglia."  (facebook.com)

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Febbraio 2016 10:44
 
Senza parole! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 18 Gennaio 2016 11:22

Senza parole!


Non comprendiamo come possano accadere queste cose in alcuni centri antiviolenza italiani senza che nessuno se ne accorga. Riteniamo vergognoso che simili aberranti fatti siano tenuti nascosti con la condivisione di istituzioni e professionisti e che si lasci che vengano puniti non gli autori di queste nefandezze ma  esclusivamente coloro che denunciano il mal funzionamento di  centri nati con finalità  ben precise. Il caso di Terni, confermato dalle sentenze citate nell’articolo pubblicato, è di una gravità indicibile poiché un centro nato per difendere le donne maltrattate dai mariti e dai conviventi non può coprire una donna che con le sue denunce ha perseguitato senza scrupoli un ingenuo compagno e padre di suo figlio.

Non vogliamo fare retorica, ma queste persone devono essere chiamate a pagare il danno procurato al partner da loro ingiustamente perseguitato, risarcire lo Stato italiano per i benefici economici illegalmente avuti e per l’ingiusta ospitalità in strutture destinate alla protezione delle donne. Se dovesse risultare la complicità  di strutture pubbliche,  speriamo che gli operatori responsabili coinvolti  siano allontanati immediatamente e senza alcuna pietà da qualsiasi  occupazione in strutture finanziate con i soldi pubblici.

Speriamo che a questa donna venga tolto il figlio perché il suo operare e la sua esistenza sono un pericolo per la crescita del bambino. L’articolo parla che il minore è stato collocato presso la madre. Una decisione inaccettabile della quale chi l’ha resa possibile dovrà rendere conto ai cittadini.

Siamo convinti che i centri antiviolenza  siano una cosa buona e per questo non si può permettere che persone ambigue possano operare come sembra che si operi a Terni.

(Marco e Luisa, felicemente sposati da trent’anni).

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 11:44
 
Per fortuna esiste anche un’altra realtà assistenziale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 18 Gennaio 2016 11:22

Per fortuna esiste anche un’altra realtà assistenziale


Vivo da alcuni anni con una persona che è stata ospitata in uno di queste residenze protette italiane dopo le ripetute aggressioni del compagno. Allora non aveva figli e il racconto che mi ha fatto e continua a farmi della comunità che le ha dato assistenza ed ospitalità è ben diversa forse perché diversamente era amministrata dai responsabili del centro antiviolenza: professionalità e trasparenza erano requisiti richiesti ai dirigenti e agli operatori e, in assemblea con gli ospiti, settimanalmente discutevano la gestione della struttura.

Personalmente, avendone le possibilità, da tre anni con profonda gioia sostengo economicamente alcune loro iniziative sociali e culturali. Sono profondamente convinto che le strutture sane debbano essere aiutate da tutti e da tutti debbano essere fermate (chiuse) quelle con finalità belle ma non rispettate. (Marcello Rossi)

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Gennaio 2016 11:44
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più.

EU Cookie Directive Module Information