Attualità
PDF Stampa E-mail

Sommario

  • I nonni obbligati al mantenimento dei nipoti (ord. n. 14951/2020)
  • I figli hanno diritto allo stesso tenore di vita (ord. n. 15774/2020)
  • Validi gli accordi stragiudiziali tra ex coniugi (sent. n. 5236/2020)

 

Quando i genitori non provvedono ai figli


I nonni obbligati al mantenimento dei nipoti


Con l’ordinanza n. 14951/2020 del 14.7.2020, la Corte di Cassazione ribadisce che i nonni paterni in qualità di diretti ascendenti dei genitori sono obbligati in solido al mantenimento dei nipoti se il padre non versa il mantenimento ai figli e la madre non è in grado di supplirlo ed a far fronte a tutte le spese necessarie per le cure riabilitative del figlio malato.

L’obbligo di mantenere i figli compete ad ambedue i genitori (art. 315 bis c.c.), ma quando il genitore collocatario, anche se vive a casa dei propri genitori, non è in grado di sostituire economicamente l’altro genitore con il proprio lavoro e il proprio patrimonio, subentrano i nonni (art. 316 bis c.c.) a sostituire il genitore non collocatario, che non vuole o non può contribuire al loro mantenimento e alle loro spese straordinarie.

La madre aveva documentato che il padre si era da sempre rifiutato di versarle l’assegno di mantenimento per il figlio e che lei, con il suo stipendio di €. 1.100,00 e gli aiuti dei propri genitori, non poteva provvedere da sola alle spese per le cure del figlio.

La Suprema Corte, nel condannare il nonno paterno ad integrare il mantenimento del nipote con un assegno mensile, precisa, però, che “l’obbligo degli ascendenti di fornire ai genitori i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli – che investe contemporaneamente tutti gli ascendenti di pari grado di entrambi i genitori – è, infatti, subordinato e, quindi, sussidiario rispetto a quello, primario, dei genitori, non essendo, appunto, consentito rivolgersi agli ascendenti sol perché uno dei due genitori non dia il proprio contributo, ove l’altro genitore sia in grado di mantenere la prole”.


I nonni possono essere chiamati in causa, ma solo quando persistono reali difficoltà economiche del genitore collocatario a sostituire l’altro.

L’art. 30 della Costituzione stabilisce che “E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli … Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.”.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

­­­E’ legge l’istituzione dellaCommissione d’Inchiesta

sugli affidi e sulle strutture di accoglienza dei minori


Ridiamo vera dignità ai minori segregati!


di Ubaldo Valentini*

l 22 luglio 2020 laCamera (con 402 voti favorevoli e 1 contrario) ha approvato in via definitiva la legge che istituisce una commissione di inchiesta sulle attività svolte da associazioni e comunità nell’affidamento dei minori.

La proposta ha ricevuto il consenso di tutti i partiti, in quanto gli stessi fatti, finiti anche in tragedie, non si sono verificati soltanto a Bibbiano, ma sono esplosi ovunque nel territorio nazionale da Sud a Nord e tutt’ora in corso di accertamenti.

Le statistiche, quelle conosciute, parlano di centinaia di migliaia di bambini strappati alle famiglie con provvedimenti giurisdizionali, di cui alcuni segregati in luoghi vietati anche all’accesso dei genitori. La giustizia d’accordo con le istituzioni regionali e territoriali è la prima responsabilità del “grande affare” che sfugge al controllo dei cittadini, dei genitori e delle associazioni.

Paura ed orrore, nel chiuso delle mura domestiche, hanno devastato la vita delle famiglie e stravolto il futuro di intere generazioni, alterando i valori primari della Carta Costituzionale.I fatti di Bibbiano hanno scosso la coscienza più dell’orrore di quelli dei lager nazisti.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 107

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più.

EU Cookie Directive Module Information