Valle d'Aosta

Entra

Chi è online

 36 visitatori online

Statistiche


TOTALE VISITE : 562162

Login



Ultime notizie

5 per mille
Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

PDF Stampa E-mail
Giovedì 08 Marzo 2018 18:31

Umbria: in discussione la mozione per regolamentare l’attività dei servizi sociali presentata dal consigliere regionale De Vincenzi affinché


Il diritto e la legge prevalgano sugli inciuci clientelari,

sulla commistione e collusione tra politica ed istituzioni


Sul sito ufficiale delle News della Regione Umbria è stata riportata la notizia della mozione presentata dal Consigliere regionale Sergio De Vincenzi. Dopo l’iniziativa che al momento” riposa” presso il Comune di Perugia, il consigliere De Vincenzi ha invitato la Giunta regionale ad adottare “linee guida regionali a tutela dei minori coinvolti in procedimenti di separazione/ divorzio” dal momento che la problematica ha assunto risvolti conflittuali presso i servizi sociali, in assenza di una corretta disciplina.

Il problema esiste e va risolto con somma urgenza, in considerazione del fatto che conseguenze e danni si riversano sui minori, vittime innocenti, e sulla società che ne subisce le conseguenze a tutti i livelli. La nostra Associazione, che vive quotidianamente il dramma delle famiglie in crisi, non intende restare a guardare in silenzio per cui ha acceso il faro su alcuni aspetti della materia che affrontiamo e dibattiamo nella competenza dei rapporti tra cittadini e Pubblica Amministrazione.

Riteniamo che tutti debbano fermare l’assurdo viatico dei minori trascinati nelle aule dei tribunali e riportare il problema della Regola uguale per tutti negli spazi e nelle sedi deputati al confronto presso i Servizi sociali dei Comuni.

La legge c’è e va applicata nel rispetto delle funzioni pubbliche e dei diritti dei cittadini. Ma soprattutto nel rispetto delle persone dei minori ai quali va garantito lo sviluppo e la crescita secondo la normalità dei momenti dell’evoluzione.

Il consigliere De Vincenzi si è fatto carico del problema.

Nessuno fugga o si sottragga. Siamo in ritardo dal 1977 (DPR 616/77: trasferimento funzioni agli Enti territoriali). I nati di quella epoca hanno già superato la soglia degli anni 40. Chissà quanti di loro si trascinano problemi per responsabilità delle inadempienze, ritardi ed omissioni di una società che ha voluto incanalare il loro problema verso una strada “chiusa”.

Dobbiamo far presente che queste problematiche furono fatte presenti ai gruppi regionali e comunali del capoluogo, ma solo il consigliere regionale De Vincenzi si è fatto promotore di iniziativa concreta al Consiglio regionale e al consiglio comunale di Perugia, dove i servizi sociali “protetti” contro ogni evidenza dall’assessore alle politiche sociali.

Seguiremo con attenzione il dibattito e il comportamento delle forze politiche e incalzeremo i ritardatari sull’impegno proposto, perché il diritto e la legge prevalgano, sempre, sugli inciuci clientelari, sulla commistione (politica – istituzioni) e sulle collusioni.

Nelle pagine di questo sito abbiamo riportato la mozione che da un anno è stata depositata al comune di Perugia dal consigliere De Vincenzi e, in allegato, troverete il contenuto della mozione alla Regione.

Allegati:
FileDimensioni
Download this file (Mozione consigliere regionale De Vincenzi.pdf)Mozione consigliere regionale De Vincenzi.pdf194 Kb
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 02 Marzo 2018 18:25

Perugia 12.3.2018, convegno su: “Percorsi di tutela per i minori e le famiglie”.

L’assessorato alle Politiche sociali del comune di Perugia, l’ordine degli assistenti sociali, nazionale e regionale, si autotutelano.

 

Le istituzioni e i servizi sociali umbri si interrogano

ma rigorosamente senza i genitori!


di Ubaldo Valentini*

 

L’assessore alle Politiche sociali del comune di Perugia, Edi Cicchi, scende in campo per difendere l’operato dei servizi sociali che, invece, continuano ad agire con discrezionalità e senza alcun controllo istituzionale, ignorando le leggi vigenti sulla pubblica amministrazione, la normativa relativa alla legge 241/90 e le specifiche richieste della nostra associazione, unica rappresentante in Umbria dei genitori separati e dei minori figli di separati, per il diritto alla trasparenza e alla tutela dei minori e della bigenitorialità.

Il tema, come sempre in queste circostanze, è la tutela dei minori che sarebbe garantita con l’individuazione di percorsi specifici per loro e per le famiglie. Un tema gestito invece con criteri e modalità generiche e discrezionali per finalità politiche, ma non di tutela e di interesse dei minori e delle loro famiglie.

La tutela avviene nei fatti e non nelle dichiarazioni di intenti dei politici e delle cooperative sociali a loro collegate, dei vari e vari ordini professionali (assistenti sociali, avvocati, psicologi, “famiglie cattoliche” e lobby di diversa natura) che col   potere pubblico hanno costituito un sistema incontrollato di penetrazione nei flussi finanziari pubblici. Sull’ambiguità di questo sistema è nato, specialmente in Umbria, un patto, che viene da lontano, in cui politica e mondo cattolico hanno permesso che procreassero associazioni e logge sotto la direzione e con la benedizione dell’Opus Dei.

Le Istituzioni e i servizi (sociali) si interrogano – è scritto nel tema del convegno – e la risposta verrà data da: ordine degli assistenti sociali nazionale ed umbro, conduttori televisivi, assessori, Anci, ricercatori universitari sui servizi sociali, Asl 1 Umbria, garante regionale dell’infanzia, università degli Studi di Perugia, ufficio scolastico regionale, rappresentati del terzo settore, ordine degli avvocati, ordine degli psicologi, ordine dei giornalisti, presidente Associazione Agevolando. In una tavola rotonda, presieduta dall’assessore comunale Edi Cicchi, verranno analizzati i Percorsi di tutela e sinergie istituzionali nella realtà regionale con: Procura Generale della Repubblica, Tribunale Ordinario di Perugia, Corte d’Appello, Tribunale per i Minorenni dell’Umbria, Servizi socio sanitari USL Umbria 1, Servizi Sociali Comunali. Tanta garanzia, si fa per dire, con tanto rumore in sole cinque o sei ore. Al pubblico è permessa una domanda limitata a due minuti. Questo il piatto.

Il Cast così istituzionalizzato dovrebbe, secondo la politica imperante, tranquillizzare i cittadini e assicurarli che i lavori del convegno saranno disinteressati e forieri di proposte rivoluzionarie. L’incontro è riservato a quelli che “dicono, parlano e decidono per il cittadino. Come si suol dire “se la cantano e la suonano tra loro”.  L’iniziativa è autocelebrativa delle strutture coinvolte la cui operatività presenta numerose, prevedibili e pericolose criticità. Un convegno così importante si poteva organizzare con un calendario di più giorni per dare voce a quelli che risultano esclusi, ma che sono gli interessati: i minori, i genitori e le associazioni che li rappresentano e che da anni lottano per tutelarli dagli abusi istituzionali.

 

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 01 Marzo 2018 19:12

Consiglio regionale Umbria


Una mozione per le linee guida

a tutela dei diritti della famiglia e dei minori?!


Avv. Gerardo Spira *

Il consigliere regionale Sergio De Vincenzi con atto n.1533 ha depositato presso il Consiglio Regionale dell’Umbria la mozione ad oggetto” adozione iniziative da parte della Giunta regionale ai fini dell’urgente emanazione di linee guida riguardanti le attività amministrative dei servizi sociali in materia di minori”.

Plaudiamo all’iniziativa, ma riteniamo di dover fare alcune considerazioni sull’argomento, dal momento che la nostra associazione, unica in Italia, ha il merito di aver sollevato la questione della persistente violazione di principi di legge da parte di Organi e degli Enti territoriali, i quali hanno, consapevolmente e per ragioni politiche, affidato la problematica delle crisi famigliari, alle competenze di personale socio-sanitario senza alcuna disciplina regolamentare, prevista dalle leggi sin dal 1977.

Da oltre quattro anni la nostra associazione ha posto l’argomento ed avanzato proposte di corretto tenore giuridico presso Comuni e Regioni. La proposta è stata sottoposta anche all’attenzione del consiglio comunale di Perugia, impegnando alcuni consiglieri che sembravano interessati al problema. Per l’interessamento del Consigliere De Vincenzi la proposta è stata anche vagliata, in udienza pubblica, dalla Commissione competente ai cui lavori abbiamo partecipato come Associazione. Di questo impegno non abbiamo più saputo nulla.

Abbiamo invece saputo, da voci sparse qua e là, che contro la proposta si sono sollevate le ire di caste e di noti protettorati. Abbiamo compreso che non si voleva mettere le mani in un mondo in cui i giochi e ruoli erano già stabiliti.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 08 Febbraio 2018 10:54

­­­

 

AOSTA - C.S.V. - Sala Convegni - Via Xavier de Maistre, n. 19

Martedì 13 febbraio 2018 ore 20,30

CONFERENZA-DIBATTITO

sul tema

Aosta: Minori e Servizi sociali nelle separazioni:

quali garanzie di trasparenza per i genitori?

 

Il Consiglio regionale nel 2017 ha approvato all’unanimità una mozione presentata dal consigliere Roberto Cognetta del M5S con la quale veniva impegnato l’assessorato alla Sanità e Politiche sociali ad “emanare, con estrema urgenza, delle linee guida affinché soggetti esterni pubblici o privati delegati, svolgano i servizi di assistenza e di incontri protetti in favore di minori e delle loro famiglie”. Sono passati alcuni mesi e nulla è stato ancora fatto e nulla si farà in questa legislatura regionale. Il tutto verrà rimandato al nuovo consiglio regionale: cioè al prossimo anno. I politici, però, tacciono e nessuno vuol disturbare i Servizi sociali, soprattutto in presenza di elezioni politiche e regionali.

E’ chiaro che i Servizi sociali non vogliono controlli sul loro operato. I genitori non devono avere la possibilità di tutelare i propri diritti e quelli dei loro figli davanti ai servizi sociali stessi e viene così annullato il loro diritto alla difesa. Così si decide il futuro dei minori nelle separazioni basandosi solo sulla discrezionalità dei servizi stessi e sulla non trasparenza delle loro indagini per conto del tribunale. I cittadini continuano ad essere indifesi e vittime dei servizi sociali e delle istituzioni preposte al controllo.

Si invitano i separati e i figli dei separati a prendere coscienza di quali “dovrebbero” essere i loro diritti e delle vessazioni e degli abusi messi in atto dalle istituzioni nelle separazioni e nei divorzi.

Relazione introduttiva sarà tenuta del presidente Ubaldo Valentini. Seguirà il dibattito.

 

 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 08 Febbraio 2018 10:33

Pare che l’affaire delle separazioni non si debba toccare


La Regione Valle d’Aosta

 

prende in giro i separati e i loro figli


Quando la nostra battaglia, raccolta dal consigliere regionale Roberto Cognetta, sembrava giunta in dirittura d’arrivo, un vento contrario si è messo a spingere la barca verso gli scogli. Ricordiamo che siamo l’unica Associazione che ha aperto il varco della legge 241/90 trascurata, con le omissioni pubbliche allargate e delle responsabilità istituzionali.

Risposte mancate o evasive hanno rafforzato la diffusa prassi dei responsabili dei servizi pubblici territoriali, togliendo al cittadino un diritto scritto nella legge, favorendo una rendita di posizione, e danneggiando interessi pubblici.

Abbiamo rilevato e denunciato che i servizi sociali degli enti territoriali non applicano la legge 241/90 nella fase amministrativa. Non aprono il procedimento con le parti in questione e trattano i casi, denunciati e delegati, secondo le esigenze pilotate del momento. Ciò favorisce soltanto il genitore collocatario in danno dell’altro e dello stesso minore. Il tribunale, quando interessato, risponde come Ponzio Pilato. Intanto il genitore penalizzato corre, come una palla da ping pong, tra Servizi e Tribunale per rivendicare un diritto scritto ma da loro negato.

La legge 241/90 dal 1990 ha stabilito che qualsiasi attività svolta dai Comuni deve essere disciplinata e regolamentata per il buon andamento degli uffici e per l’imparzialità.  La legge parla anche di programmi e protocolli a cui devono partecipare tutte le parti in causa. I servizi dei comuni devono soltanto garantire che ciò avvenga in modo trasparente ed equilibrato, al fine di impedire disparità di trattamento.

Riteniamo che il problema delle separazioni possa trovare la giusta soluzione in questa fase se i Comuni decidono di disciplinarlo, dando esecuzione alla legge che ha imposto l’adozione obbligatoria del Regolamento.

Quasi tutti i Comuni d’Italia hanno adottato il Regolamento di accesso agli atti e del procedimento amministrativo per le loro attività.

Mentre però la Regolamentazione è intervenuta nelle materie in cui più si corre il rischio di finire nelle maglie del codice penale, nella materia dell’assistenza invece si è preferito lasciare le cose nelle mani dei responsabili dei servizi i quali, sentendosi coperti, operano a stretto contatto con l’assessore e il Tribunale.

L’assessore di turno ha in tal modo campo libero per confezionare e allargare la base clientelare, penetrando in un mondo in cui bisogni ed interessi si mescolano e producono risultati politici. E la legge? Questa resta una chimera fino a quando non scoppia lo scandalo.

Finalmente la Cassazione, sugli effetti della legge 241/90, ha acceso il faro su di un caso, condannando un dirigente per il silenzio rifiuto. La sentenza chiarisce molto bene la portata dell’art. 328 c.2 c.p. Speriamo che questa strada serva a far prendere coscienza a tutti.

Allegati:
FileDimensioni
Download this file (CIRCOLARE Assessoere Sanità.pdf)CIRCOLARE Assessoere Sanità.pdf209 Kb
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Gennaio 2018 12:57

­L’avv.ssa Gaetana Paesano, con una lettera inviata all’ISP (Istituto di Studi sulla Paternità, sorto trent’anni or sono per ridare dignità al ruolo del padre nelle separazioni) e pubblicata sul sito dell’istituto http://Inx.ispitalia.org. Su questo argomento, il presidente dell’Isp, dott. Maurizio Quilici, ha aperto un pubblico dibattito, invitando le associazioni di settore a fare altrettanto. Accogliamo l’invito e riserviamo anche noi uno spazio per un confronto sul fallimento del condiviso (L.54/2006). Chiunque può inviarci il proprio contributo da pubblicare in queste pagine.


Affidamento condiviso: una promessa non mantenuta


di avv. Gaetana Paesano *

dott. Quilici,

svolgo la professione di avvocato da ormai quasi venti anni ed ho dedicato i miei studi, il mio tempo, le mie energie alle famiglie in difficoltà, alla gestione dei conflitti familiari e alla protezione dei più piccoli. Di anno in anno ho tratto nuova forza dalle “conquiste di civiltà” – come tutti le hanno definite – rappresentate dalle grandi riforme del diritto di famiglia, dalla legge n. 54 del 2006 sull’affidamento condiviso alla legge n. 219 del 2012 sulla filiazione, ed ho sicuramente accolto con gioia la notizia dell’approvazione di leggi come quella del Dopo di noi e quella sul testamento biologico di questi ultimi giorni.

Purtroppo, però, non posso fare a meno di chiedermi sempre più spesso che fine facciano i valori che ispirano le grandi riforme nella successiva fase dell’interpretazione e dell’applicazione della legge tanto attesa al caso concreto.

Il cuore della riforma, la ratio della sua esistenza, le finalità perseguite, i diritti faticosamente riconosciuti cedono il posto, nelle istanze difensive e nei provvedimenti delle corti di merito, ad un atteggiamento di sterile richiamo di singole disposizioni normative, che vengono snaturate tanto da contrarne il senso più intimo, fino quasi a dimenticarlo.

Mi riferisco, in particolare, all’affidamento condiviso e mi chiedo, e Le chiedo, che cosa sia oggi e che cosa rappresenti per un genitore che deve, per sua scelta o per scelta dell’altro, affrontare la separazione e dunque la cessazione della coabitazione con i suoi figli.

A tutti è noto il principio che ha ispirato la legge n. 54. Semplicemente straordinaria la forza contenuta nell’affermazione della co-genitorialità: i bambini hanno diritto a conservare relazioni continuative e significative con entrambi i genitori, anche durante e dopo la separazione. Non può non essere obiettivo prioritario di tutti, ma prima di tutti degli stessi genitori, garantire ai figli una presenza costante del papà (o, molto più raramente, della mamma) anche se non vive più nella casa familiare. E’ un diritto sacrosanto quello dei bambini, già riconosciuto dall’ordinamento internazionale, che la legge ha sentito la necessità di riaffermare: se un genitore vuole fare il genitore deve essergli consentito, perché ciò vuol dire rispettare il diritto dei suoi figli al suo affetto e alla sua presenza costante nella loro vita.

Ma non credo che la promessa della legge n. 54, rivolta soprattutto a tanti papà, sia stata pienamente mantenuta.

E’ una realtà oggi la bi-genitorialità? E’ una realtà l’esercizio condiviso e paritario della responsabilità genitoriale indipendentemente dalla “collocazione”, ovvero dalla “residenza privilegiata” dei figli?

Senza dubbio esiste sulla carta. Sulla carta è la regola e non l’eccezione: il papà, che non è quasi mai il genitore “collocatario” o convivente con i figli, anche se lascia la casa coniugale è comunque esercente la responsabilità genitoriale.

Il problema è che la formula che contiene la promessa di una genitorialità piena, a tutti gli effetti, si rivela presto una formula di stile, a volte perfino in contrasto con tutto quanto disposto dallo stesso giudice con lo stesso provvedimento; appare una sterile disposizione che non muta la sostanza delle cose.

Nei fatti, nella realtà di tutti i giorni, esiste ancora il genitore di serie B. Non si chiama più genitore non affidatario ma genitore non collocatario o non convivente.

E’ il genitore che ha il diritto di vedere i propri figli solo quando è stabilito nel provvedimento; non un giorno né un’ora in più se non ha il consenso dell’altro, cioè del genitore convivente. E’ il genitore che deve essere autorizzato dal giudice se desidera passare cinque minuti del suo tempo con il figlio in un giorno o un orario non stabilito. E’ il genitore che può essere escluso senza conseguenze dalle decisioni che riguardano la vita quotidiana dei propri figli. E’, nella stragrande maggioranza dei casi, il padre.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Gennaio 2018 12:55

DIBATTITO: "Affidamento condiviso: una promessa non mantenuta"


La risposta del presidente dell’ISP, Maurizio Quilici


I padri sono cambiati, ma i giudici non se ne sono accorti!


Cara Avvocatessa,

vorrei che la sua bella, accorata e coraggiosa lettera diventasse il “Manifesto” di quanti si battono perché nel momento della separazione e dell’affidamento dei figli si rifugga dalle decisioni stereotipate, si abbia a cuore la serenità e lo sviluppo equilibrato dei minori coinvolti, si valuti con il giusto peso la rilevanza della figura paterna, si osservino lo spirito e la lettera di una legge – la n. 54 del 2006 – che ha introdotto la nuova figura dell’affidamento condiviso e che è stata bellamente tradita.

La sua lettera ha suscitato in me, assieme a molte riflessioni, sensazioni contrastanti: da un lato la soddisfazione (amara) di vedere che una giurista, un’operatrice del Diritto, conferma con la sua quotidiana esperienza quanto il nostro Istituto va dicendo dal 2006 a proposito della famosa Legge 54 e dell’affido condiviso: una legge ridotta dalla giurisprudenza a mero cambio di termini senza alcun mutamento di sostanza e senza alcun rispetto per quello che era stata la ratio del legislatore che ben altro peso voleva assegnare alla figura del padre, fino a quel momento trattato – le statistiche sugli affidamenti parlavano chiaro – come soggetto del tutto residuale e ininfluente. Tuttavia, la soddisfazione di veder confermate le nostre convinzioni e le nostre affermazioni è poca cosa di fronte al rammarico, alla delusione, diciamo pure alla rabbia, di sapere inapplicata con tranquilla nonchalance una legge dello Stato.

Lei, cara Avvocatessa, si chiede cosa è davvero cambiato dal 2006; a volte io mi chiedo che cosa è cambiato da quel febbraio 1988 in cui l’I.S.P. si costituiva e apriva una nuova pagina nella storia della paternità in questo Paese. Trent’anni di studi, di ricerche, di informazioni, di battaglie anche… per che cosa? Certamente – va riconosciuto – c’è oggi da parte dell’opinione pubblica una conoscenza dei ruoli e delle funzioni paterne di gran lunga superiore a quella di trent’anni fa, grazie a una ricca bibliografia scientifica e narrativa, film, trasmissioni radio e televisive, articoli, dibattiti, convegni…; grazie all’impegno di numerosi operatori – psicologi, avvocati, assistenti sociali, pedagogisti, sociologi… – e di numerose associazioni di padri separati e no; e grazie, soprattutto, ai padri di oggi. Che sono cambiati e lo fanno vedere. Insomma, oggi l’importanza del padre è conosciuta e riconosciuta. E i problemi dei padri sono noti, ma tutt’altro che risolti.

E’ nel mondo del Diritto, nelle aule di giustizia dove si decide della sorte dei figli nel momento, doloroso per tutti, della separazione che il tempo sembra essersi fermato. E che lo stereotipo della donna per ciò stesso “buona madre” continua a dominare. Lo vediamo ogni giorno, purtroppo: di fronte al giudice una donna non deve “dimostrare” di essere una buona madre, su di lei non incombe alcun onere della prova. Ma il padre… quanto dovrà faticare per dimostrare il suo amore, la sua capacità di empatia e accudimento, la sua importanza, la sua volontà di essere accanto ai figli.

 

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Gennaio 2018 12:52

DIBATTITO: Affidamento condiviso: una promessa non mantenuta


Il contributo del presidente onorario dell’Associazione Genitori Separeati per la Tutela dei Minori, avv. Gerardo Spira

I minori sono oggetto di mercanzia tra più parti

 

Esimio dott. Quilici,

incaricato dall’Associazione Genitori Separati per la Tutela dei Minori, mi permetto di aprire una finestra di riflessione sulla lettera della Avvocatessa Gaetana Paesano.

Ho conosciuto la collega, per la serietà professionale, e conosco molto bene l’ambiente in cui opera il tribunale di Vallo della Lucania. Tribunale molto evidenziato con la stessa Procura della Repubblica che, resiste al sortilegio (si fa per dire) della soppressione, nonostante le dilaganti spinte di quanti lo vorrebbero lontano dalle beghe locali e territoriali

Vi sono certamente motivi nascosti di risentimenti che ne impediscono la caduta. Ma le congiure e gli intrighi fanno parte di quella cultura storica che ha visto il cilentano brigante “accovacciato” dietro la siepe.

Dopo la prima lettura ho pensato ad uno sfogo personale manifestato dal legale che opera in un contesto in cui le ragioni del diritto s’intrecciano con quelle di una cultura maliziosamente silenziosa.

Mi sono sbagliato, perché l’argomento è all’ordine del giorno e diffusamente anche nel nostro territorio.

Basta aprire un giornale per ritrovarci un articolo di cronaca.

In tutti i convegni ormai si parla di fallimento della Giustizia, di lobby e caste unite intorno alla materia della famiglia. Le accuse vanno dai protocolli di categoria alle direttive o linee guida scoperte più per rafforzare poteri ed interessi personali che per difendere diritti e interessi dei cittadini.

I patti servono a rafforzare le decisioni dei TRIBUNALI dove il DIRITTO , svilito e spogliato dei principi costituzionali del valore della famiglia, ne esce vistosamente sconfitto.

Lei sa, per aver presieduto un incontro a Perugia sul tema della famiglia, che da tempo insisto su di un argomento dimenticato o appositamente accantonato che mette tutto il sistema istituzionale italiano in cattiva luce, minando dalle fondamenta principi e valori della Giustizia.

La giustizia si conclude nelle aule dei tribunali, ma nasce, cresce e si sviluppa in tutte le sedi istituzionali coinvolte (dentro ci sono tutti: magistrati, operatori sociali, ordini professionali e anche la chiesa). Nessuno fa il proprio dovere. Nessuno aiuta La Giustizia a fare il proprio dovere. La collega Paesano definisce la legge 54/2006 “una promessa non mantenuta e lo dice dopo oltre 20 anni di professione. Ne aspetterà ancora se non viene guastato il gioco.

Ha scoperto quindi che la volontaria giurisdizione non esiste, che il giudice in questa materia non fa più il proprio mestiere, è divenuto uno pseudopsicopedagogo; che le decisioni del Tribunale vanno in una direzione sbagliata e che i minori sono oggetto di mercanzia tra più parti. Ha scoperto che nelle istituzioni italiane si perpetra il più grande tradimento della Costituzione e il più grande delitto contro la famiglia. Ha scoperto che la legge 54 del 2006 è carta straccia e che le sue norme sono fili strategici in mano al giocoliere di occasione. Eppure nei banchi dell’università ci hanno insegnato, almeno nella mia epoca i professori lo facevano, che i principi sono fondamenti insopprimibili se non adeguatamente modificati, che le norme impositive sono cogenti, di immediata applicazione e che la lettura della legge deve avvenire in modo sistematico. Che anche se applicata singolarmente la norma deve essere collegata alle finalità della legge.

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 26

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più.

EU Cookie Directive Module Information