Valle d'Aosta

Entra

Chi è online

 20 visitatori online

Statistiche


TOTALE VISITE : 1257418

Login



Ultime notizie

5 per mille
Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Aprile 2024 16:01

Responsabilità anche del legale

nell’affido discriminante del padre


Il padre, o genitore non collocatario, viene discriminato dai servizi sociali e dai magistrati anche per responsabilità del legale di ciascun genitore, che, quasi sempre, non si batte, nemmeno pubblicamente, per un affido equo e paritario dei figli, soprattutto dove le distanze non sono proibitive o, comunque, relative rispetto ai benefici sui figli, ma, a lungo andare, anche sui genitori, da un affido che non penalizza nessun genitore. Il problema delle distanze può essere affrontato nel processo di affido, imponendo ai genitori di rispettare, prima di tutto, le esigenze dei figli, permettendo loro di rapportarsi con equità e con le pari opportunità con ciascun genitore.

Nella maggior parte degli affidi si può applicare la forma del condiviso paritario, educando i genitori a non farsi la guerra su questioni futili rispetto al benessere dei figli, imponendolo quando i genitori (soprattutto la madre) non vogliono rinunciare all’assegnazione della casa coniugale/familiare, all’assegno di mantenimento per i figli e a tutti i contributi economici clientelari che gli enti locali elargiscono con molta generosità ai moderni cliens, cioè portatori di voti, di cui l’ente erogatore non permette all’altro genitore di venirne a conoscenza con il pretesto della inesistente privacy.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Aprile 2024 15:54

Le registrazioni, anche se non autorizzate, sono lecite


La Cassazione ritorna sulla validità delle registrazioni fonografiche di una conversazione come prova testimoniale nei tribunali e, se effettuate ad opera di un soggetto partecipe o presente alla conversazione, anche se fatte in modo clandestino, non possono essere considerate come indebite intercettazioni (Cassazione penale, sent. n. 10079/2024 del 08.03.2024). Lo stesso dicasi per le telefonate fono-registrate senza il consenso di controparte sia nel corso di un colloquio telefonico o durante lo svolgimento della ctu o nei colloqui con i servizi sociali o in altre sedi.

La Corte di Cassazione ha ribadito che "le intercettazioni regolate dagli artt. 266 e segg. cod. proc. pen. consistono nella captazione occulta e contestuale di una comunicazione o conversazione tra due o più soggetti che agiscano con l'intenzione di escludere altri e con modalità oggettivamente idonee allo scopo" possono essere utilizzate nei procedimenti penali poiché sono una “forma di memorizzazione fonica di un fatto storico, della quale l'autore può disporre legittimamente, anche a fini di prova nel processo".

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 24 Aprile 2024 16:33

Il 25 aprile nei tribunali umbri:

Liberiamoci dell’assurda Giustizia Ingiusta


Conta l’età per far valere i tuoi diritti genitoriali


I Genitori Separati si chiedono come si possa parlare della Festa della Liberazione quando fondamentali istituzioni dello Stato non liberano i cittadini dalla giustizia ingiusta, allontanando quei giudici che hanno trasformato la discrezionalità decisionale in discriminazione di genere contro genitori non prevalentemente collocatari (generalmente i padri). A Perugia, la giustizia ingiusta è una emergenza che i fatti, quotidianamente, evidenziano, alla luce di assurde sentenze come quella di vietare ad una bambina di sette anni di poter stare più tempo con il padre, che, a differenza della madre, le dedica affetto, tempo e competenza genitoriale, riuscendo ad interessarla alle tematiche sociali con metodi interattivi, idonei all’età e alle forti capacità intellettive della minore.

Per i giudici perugini del tribunale ordinario e della corte d’appello, un padre di settanta anni non può chiedere e pretendere nulla per sua figlia, perché, a quell’età, è vecchio ed, anzi, lo puniscono, condannandolo a pagare i 4/5 delle spese legali di controparte (€ 3.400, oltre accessori, cioè €. 4.961,01), liquidate con molta generosità nei confronti dello Stato, visto che la donna è stata ammessa al patrocinio a spese dello Stato ed è (quasi) nulla facente per professione, come dalla stessa dimostrato al tribunale.

(5.000 euro) alla controparte, ammessa al patrocinio a spese dello Stato. Non soddisfatti del probabile abuso di potere perpetrato ai danni di questo genitore, la cui moglie è magrebina, i due Collegi hanno prospettato, senza la pur minima prova, che la sua richiesta di modifica rientri in un atteggiamento culturale razzista. Che dire? Un tribunale serio non permetterebbe a tali giudici di sentenziare sui minori e sui loro genitori separati, perché fortemente lontani da una Giustizia giusta. Anche ciò contribuirebbe a festeggiare la Liberazione dalle ingiustizie.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 19 Aprile 2024 16:08

Trascurata l’emergenza minorile in Italia


Tanti e preoccupanti sono i segnali di un malessere minorile che, se continuerà ad essere trascurato, avrà conseguenze anche drammatiche e sicuramente preoccupanti per il futuro della società italiana. Parliamo di malessere, ma anche di marcate forme di devianza che, unite alla mancata integrazione dei “figli di prima e seconda generazione”, può costituire una esplosiva miscela, con effetti di difficile contenimento.

Queste considerazioni non sono esagerate previsioni, ma solo le naturali conseguenze di un malessere minorile sottovalutato dalla società in genere e, in particolare, dalla politica e dagli affannati politologhi, dai servizi sociali, dai genitori, dalla stampa, dalla scuola, dalle forze dell’ordine (che tendono a “minimizzare” l’informazione sul disagio diffuso tra i minori) e, non ultimo, dai tribunali, che intervengono con affidi penalizzanti la figura paterna e previlegiando le consolidate proteste di movimenti di genere, che hanno fatto dei maltrattamenti sulle donne, talvolta anche quando non ci sono, come in tante denunce legate alla fine della convivenza dei genitori, la loro ragione di vita, dimenticando che ci sono maltrattamenti di genere anche quando le vittime sono i minori e/o uno dei loro genitori.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 19 Aprile 2024 16:03

Regione Valle d’Aosta


L’assessore Marzi si difende e conferma

la propria inutilità politico-amministrativa


La nostra associazione, da circa quindici anni, si batte per una regolamentazione delle politiche sociali in Valle d’Aosta per contenere i conclamati abusi da parte del servizio pubblico che le gestisce, con la massima discriminazione di genere verso il padre, che, frequentemente, non riuscendo più a sopportare l’ingiustizia subita (da servizio sociale e tribunale), ricorre al gesto estremo del suicidio (alcune unità all’anno solo di quelle note). Un dramma per i figli di questi padri che si tolgono la vita e una vergogna immensa per chi ne è la causa diretta o indiretta e per chi, conoscendo il fenomeno, non muove un dito per impedire il “massacro” del padre nell’affido dei figli. Per porre termine a questi abusi, avevamo chiesto cose ben precise e le continuiamo a chiedere alla Regione e all’assessore Marzi, in specifico. Queste sono le nostre richieste fatte proprie elettoralmente, poi, da un partito di opposizione nelle sue interpellanze: “il Registro regionale unico dei contributi elargiti dalla Regione e dagli Enti pubblici; il Protocollo unico regionale per la concessione di contributi, elargizioni e benefici pubblici; il Regolamento o protocollo sull’attività dei servizi sociali, compresi quelli che collaborano con i Giudici per l’affido dei figli e monitoraggio obbligatorio sulla loro attività; i Corsi per genitori separati inerenti la gestione del conflitto genitoriale e l’educazione dei figli, pur non convivendo più assieme; i Corsi informativi e formativi sulle conseguenze psicologiche e sociali sui figli e sui genitori riservati agli insegnanti delle scuole inferiori e superiori; il Nuovo regolamento di accesso all’edilizia pubblica, riservando percentuali degli alloggi disponibili ai separati in difficoltà economica, anche se non collocatari dei figli; il Patrocinio a spese della Regione per i separati in difficoltà economica”.

***

Questa la pec di risposta dell’assessore Manzi del 28.03.2024

“Sig. Valentini,

riscontriamo in merito a quanto da lei trasmessoci e pubblicato su un quotidiano regionale on line, i cui contenuti sul tema sono stati anche recentemente portati all’attenzione del Consiglio. È questa una modalità comunicativa che mostra come la evidente distanza tra l’associazione che lei rappresenta e la politica regionale sia presente ben prima della mia recente e breve esperienza pro-tempore in questo Assessorato.

Riscontriamo quindi alle sue sollecitazioni con spirito collaborativo, senza entrare nel merito delle accuse e dei giudizi con cui lei accomuna larga parte della politica regionale in una sorta di continua e comune indifferenza rispetto ai temi di cui l’associazione che lei rappresenta si occupa.

I suoi giudizi allargano poi il campo, imputando ai vari Dipartimenti regionali e ai servizi sociali di aver operato e di operare in modo discriminatorio, con mala gestione, discrezionalità e abuso dei servizi. Rigettiamo in toto queste affermazioni: al contrario è corretto e giusto dare atto che dipendenti, operatori sociali e collaboratori dell’Assessorato operano quotidianamente per svolgere al meglio possibile le attività dirette a sostenere le persone e alle famiglie in difficoltà, in un mondo variegato e complesso quale quello delle politiche sociali.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 04 Aprile 2024 16:01

La violenza di genere:

quando le vittime sono i figli e il loro padre separato


La violenza di genere, dopo la Convenzione Istanbul (2011) e dopo la legge italiana n. 69 del 2019, è stata identificata con la violenza sessuale, fisica e psicologica contro la donna, mentre nella violenza di genere la donna può essere vittima, ma anche disumana artefice di una violenza fisica, psicologica, sessuale e/o istituzionale, esercitata contro qualsiasi persona o gruppo di persone, sulla base del loro orientamento sessuale, identità di genere e sesso, che ha, principalmente, un impatto negativo e talvolta tragico, sia fisico che psicologico ed economico, sulla persona della vittima.

Il femminicidio non può essere mai giustificato, ma, poiché siamo stati colpiti emozionalmente, non siamo ancora stati in grado di individuare ed analizzare le profonde e innaturali motivazioni che stanno alla base dell’insano gesto per contribuire alla sua prevenzione, poiché, questo fenomeno, può essere, quasi sempre, combattuto rimuovendone in anticipo le cause che lo provocano. Il femminicidio, comunque, non può essere identificato e tantomeno può esaurire il diffuso fenomeno della violenza di genere.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 04 Aprile 2024 15:55

Aosta


La Lega interroga l’assessore Marzi

sulle criticità dei separati valdostani


La Lega valdostana, sempre attenta alle problematiche dei separati e dei loro figli, ha presentato all’assessore Marzi un ordine del giorno, a firma dei consiglieri Manfrin e Ganis, per conoscere se l'assessore alle politiche sociali abbia preso visione delle richieste dell'associazione genitori separati e se sia intenzione, da parte dell'amministrazione, dare corso alle richieste presentate.

La discussione è avvenuta nel consiglio regionale del 21 marzo e l’assessore, di fatto, come sempre, non ha risposto.

“Preso atto delle criticità segnalate dall'Associazione Genitori Separati – scrivono i firmatari dell’o.d.g. - che, in un intervento, ha fatto richieste specifiche per migliorare la vita dei genitori separati, e più precisamente: il Registro regionale unico dei contributi elargiti dalla Regione e dagli Enti pubblici; il Protocollo unico regionale per la concessione di contributi, elargizioni e benefici pubblici; il Regolamento o protocollo sull’attività dei servizi sociali, compresi quelli che collaborano con i Giudici per l’affido dei figli e monitoraggio obbligatorio sulla loro attività; i Corsi per genitori separati inerenti la gestione del conflitto genitoriale e l’educazione dei figli, pur non convivendo più assieme; i Corsi informativi e formativi sulle conseguenze psicologiche e sociali sui figli e sui genitori riservati agli insegnanti delle scuole inferiori e superiori; il Nuovo regolamento di accesso all’edilizia pubblica, riservando percentuali degli alloggi disponibili ai separati in difficoltà economica, anche se non collocatari dei figli; il Patrocinio a spese della Regione per i separati in difficoltà economica”.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Lunedì 25 Marzo 2024 09:41

Spese straordinarie dei figli: un business materno


Le spese straordinarie alimentano e, in molti casi, ingigantiscano il conflitto genitoriale, soprattutto dopo la formulazione dei Protocolli sulle spese straordinarie, sottoscritti dal presidente del tribunale e dal locale ordine degli avvocati, con la categorica esclusione dei genitori, che, a dire dei contraenti, sono tutelati dagli avvocati. I figli appartengono ad ambedue i genitori, ma non ai giudici ed agli avvocati, in quanto i primi devono applicare la legge vigente e i secondi sono pagati (ed anche molto bene) per una prestazione professionale, cioè la difesa del genitore e dei suoi figli dinnanzi al giudice e ciò non implica la delega per sostituirli nella formulazione di un protocollo che riguarda i genitori e i loro figli.

Questi signori che amministrano le spese straordinarie ritengono i genitori (in verità, per il 92% solo il padre) soggetti passivi che devono subire quanto impone il protocollo formulato sulla convergenza tra giudici e avvocati, senza minimamente tener conto degli inalienabili diritti dei genitori, che, anche in presenza di affido condiviso, devono autorizzare tutte le spese straordinarie dei propri figli con i relativi costi, poiché le parcelle variano da professionista a professionista, la stragrande maggioranza delle spese sanitarie sono fornite dal S.S.N. e i costi degli apparecchi o altro variano da negozio a negozio anche per l’identico oggetto. La discrezionalità del genitore collocatario - per il 92% la madre - non è affatto garanzia di oggettività della spesa straordinaria.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 59

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più.

EU Cookie Directive Module Information